RSS

POESIE ..e dintorni

*****
POESIA D’AMORE
Prendi le mie mani e stringile
più che puoi sul tuo cuore
affinché io possa sentirlo battere
e lui possa sentire me.
Sarò per te il sole che non ha mai spleso
 nel buio cupo delle tue notti insonni,
il profumo del tuo caffè al mattino
e il raggio di luce che filtrerà dalle tue persiane.
Lascerò che la mia mano scorra tra i tuoi capelli
 quando crederai di essere solo e sarai triste,
e le mie labbra ti sfioreranno la fronte
 per alleviarti la stanchezza della sera.
Gioirò attraverso le tue gioie
e piangerò le lacrime tue.
Tu sarai il bagliore dei miei sorrisi
ed il fragore dei miei applausi alla vita.
Sarò l’ombra che ti seguirà anche nel buio
 ed il riflesso che ti accompagnerà nella luce.
Tu sarai la stella a cui volgerò lo sguardo
 affinché segua ogni mio passo nella notte
 e lo spicchio di luna su cui, cullandomi,
mi addormenterò.

******

FAGIOLINO

Un fagiolino nel ventre; è tutto ciò che sei.
Sei il gesto del pollice e dell’indice uniti
quando si vuole indicare qualcosa
grande quanto un chicco di riso così.
Presto diventerai un acino d’uva,
ma non potrai ancora pensare.
Nessuna voce animerà il tuo pianto,
che per mesi resterà soffocato nell’acqua.
Ci penserò io a nutrirti, a carezzarti,
ad inventarti canzoni e recitarti poesie.
Due colpetti sulla pancia saranno la buonanotte
e la forma di un cerchietto il buongiorno per te.
E’ tutto e solo ciò che posso prometterti.
Perché vorrei poterti trasformare il mondo,
affinché tu, al tuo approdo qui,
lo trovi colorato.
Vorrei poter cancellare il rumore degli spari,
dei cacciatori
e quelli più lontani delle granate.
Ma per quanto potrò sembrarti grande e forte,
devo confessarti che non lo sono abbastanza.
Ci penserai tu a tutto questo.
Imparerai da solo a cambiare il mondo,
e se proprio non potrai cambiarlo tutto,
quantomeno cambierai il tuo.
Io ti indicherò i valori, tu deciderai se farli tuoi.
Forse ne scoprirai degli altri.
L’importante è che tu ne abbia sempre.
E abbi forza a sufficienza per non dover assecondare
tutto ciò che non condividi,
per scendere a compromessi, sì,
ma solo quelli costruttivi.
Perché vivere da emarginato sarebbe
La sconfitta peggiore:
significa non essere capace di ricevere né dare.
Né, soprattutto,
saper dare un senso alla propria Vita.
L’augurio migliore è che tu
sappia fornirtene uno,
vincente e tale da far sì che chiunque
possa leggertelo nel profondo
dei tuoi occhini limpidi e sinceri.

******

LONTANO
Mi ricordo di noi, in una serata afosa
mentre i grilli primeggiavano sul gracidare dolce
delle rane, in riva al fiume…
e le lucciole illuminavano, con le stelle, un buio antico,
mentre i nostri calici si incontravano nell’aria umida, sospesi…
e le tue dita sfioravano le mie
laddove il brivido caldo si confondeva con l’aroma denso
della china …del rabarbaro …e della genziana…
talmente dolce, pieno e vellutato…
da riportarci a quegli attimi, mai troppo dimenticati,
tra le lenzuola di raso, umide,
e le finestre aperte sui pomeriggi estivi
e sul campo di grano biondo,
quando, appagati, ci rinfrescava
la spuma frizzante di uno champagne d’annata
brioso e delicato, come il lieve tocco della tua mano
che subito tornava a cercarmi,
e la flute ghiacciata a sfiorare i seni
per un brivido lungo che non ti so raccontare…
e l’idea di separarsi era amara,
come questo fondente dentro cui affondo i denti ora
…e penso…
sorseggiando il moscato buono della mia terra lontana
e guardando la fiamma scoppiettante nel camino…
…e la neve, al di là della finestra…
che, in fondo, è passato solo un altro anno senza te.

Solo un altro anno. Senza. Te.

Annunci
 

6 risposte a “POESIE ..e dintorni

  1. annitapoz

    4 novembre 2011 at 06:01

    Un poetico ricordo intenso, intriso di passione e malinconia. Brava!

     
  2. a casa di palma

    4 novembre 2011 at 08:06

    Grazie.. 🙂

     
  3. annitapoz

    18 novembre 2011 at 19:28

    Stupenda la poesia “Fagiolino” Bravissima, che bella dedica ad un figlio in gestazione! Bacioni a te e alle tue creature

     
  4. A casa di Palma

    18 novembre 2011 at 21:20

    Il bello è che la scrissi molti molti anni fa, quando la gestazione non sapevo neppure cosa fosse.. 🙂

     
  5. aiudi luciana

    6 dicembre 2011 at 21:35

    cara Palma,sono entrata in punta di piedi a casa tua,non c’èra nessuno,mi sentivo un po’ in soggezione anche se devo dire che è una casa molto accogliente.Attraversando le ampie stanze,ho trovato la stanza della poesia li,mi sono sedutaed ho incominciato a leggere, leggevo e piangevo, tanta era la commozione mi veniva fatto mio ogni ricordo magari non vissuto ma,solo desiderato!!!!Tenera ,struggente ,ansiosa,beneaugurante per un figlio che dovrà arrivare ..la poesia “Fagiolino”Stupenda!!!!!! Le altre due intrise di passione di dolce malinconica nostalgia,e di romanticismo,BELLE!!!!!!!!BELLE!!!non trovo altri vocaboli!!!!Grazie un bacio!!!!

     
  6. A casa di Palma

    7 dicembre 2011 at 08:47

    Menomale che qui, cara Luciana, il Maestro non ci entra, altrimenti quel “belle” te l’avrebbe contestato! 🙂 Grazie per i graditissimi complimenti e ..una cosa: non sentirti mai in soggezione quando entri in casa mia. Ne sei la padrona, e l’onore è tutto mio nel poterti accogliere!
    Un bacione

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: