RSS

UN FIOR FIORE DI MUGHETTO

16 Dic

Non vorrei certo trasformare questo blog in un mucchio di consigli esclusivi sui neonati, ma siccome quelle di cui parlo sono situazioni che sto toccando con mano, è bene condividere queste esperienze con chi può farne tesoro.

Il “mughetto” è un’infezione molto comune nei neonati; si tratta di una forma di stomatite causata dalla candida albicans e che colpisce la bocca ed il cavo orale. Pare che circa il 90% dei bambini entri in contatto con questo fungo, che però si conclami in concomitanza di un calo delle difese immunitarie.

Come si presenta? Guardando nella boccuccia del bambino, si ha come la sensazione che vi sia della “ricottina”, residui semi-solidi di latte, ma da un esame più attento si verifica che, in realtà, si tratta di placche aderenti alle mucose. Ora, questo benedetto mughetto è chiaramente infettivo. Se il bimbo è allattato al seno e la mamma, in concomitanza dello sviluppo di questa patologia, ha delle piccole ragadi sui capezzoli, ecco che la candida immediatamente si trasferisce dalla sua bocca ai seni materni. E come si fa a capirlo? Semplice: seni che fino a quel momento avevano funzionato senza problemi, all’improvviso evidenziano un forte rossore un pò in rilievo sia sui capezzoli che sull’areola che, ovviamente, fanno un male pazzesco. E se la candida attacca anche i dotti, chiaramente il dolore si propaga anche all’interno del seno.

In concomitanza o disgiuntamente (nel senso che possono esserci entrambi i sintomi o solo uno dei due), il bimbo può manifestare, oltre alle placche in bocca, un certo arrossamento da pannolino. Anche quello è dovuto alla micosi, e io personalmente lo risolvo con: vea-olio, purelan, burro di karitè. Inoltre, è bastato eliminare i dannati pannolini Pampers (che chissà perchè, se non ce l’ha, l’infezione gliela fanno venire e se ce l’ha certamente non gliela fanno passare) e usare quelli moooooolto più economici, tra l’altro prodotti proprio dalla Pampers, che si chiamano Toujours e che potete trovare solo da Lidl (per saperne di più, vi rimando ad un altro mio post: https://acasadipalma.wordpress.com/2011/06/26/i-migliori-pannolini/).

Bene. Cosa fare? Sarò breve. Se il pediatra vi dice di risolvere semplicemente con impacchi di acqua e bicarbonato, non sperateci troppo: difficilmente il pupo se ne starà lì a bocca aperta a farsi spolverare la boccuccia con quella schifosissima soluzione. Esiste, invece, una cremina antimicotica, il Daktarin, che viene utilizzata da sempre e con ottimi risultati. Fissata la dose, vi consiglio di mettervene un pochino per volta sul dito mignolo e passargliela in bocca, così il pupetto inizierà a succhiarla e così facendo se la distribuirà su tutta la mucosa.

Allo stesso tempo, occorre anche un antimicotico da adoperare sui capezzoli, per interrompere immediatamente l’effetto ping-pong tra questi e la bocca del neonato. Allora, vi consiglio di usare anche lì lo stesso Daktarin, la cremina del bimbo, e di coprirli con le coppette imbottite, da cambiare con una certa frequenza per far sì che l’ambiente sia sempre ben pulito.

Se, intanto, il seno si è ingorgato, perchè il dolore dei capezzoli vi ha chiaramente impedito di attaccare il figlioletto per un pò, dovete assolutamente provvedere a scaricarlo: o attaccandoci il bambino o utilizzando una tiralatte.

A proposito di tiralatte, evitate di acquistare quelle manuali, completamente inutili ed inefficaci. Se proprio dovete spendere dei soldi, meglio ricorrere a quelle elettriche.

Ah, ancora un passaggio importntissimo: trattandosi di candida, se la mamma non ne ha mai sofferto (vi ricordo che la candida è una delle infezioni vaginali più fastidiose) è bene che ricorra anche ad un buon antimicotico orale, che appunto combatta questa micosi internamente e ben più a fondo. Quale ve lo può dire il medico, ma insistete per farvelo prescrivere per non dover scoprire, poi, fastidiose sorprese.

Ultimo suggerimento, mantenere alte le difese. Il più possibile. Quindi, oltre ad uno stile di vita sano, una corretta alimentazione, un pò di fermenti lattici sono indispensabili.

Tranquille, dunque, perchè vedrete che il tutto passerà nel giro di qualche giorno! 😉

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 dicembre 2011 in La cura dei cuccioli

 

Tag: , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: