RSS

QUESTE DOVETE PROPRIO LEGGERLE..

02 Set

Che gli uomini fossero dotati di grande fantasia, non era certo una novità. E che quando si sentono messi alle strette diventano a dir poco diabolici è un altro punto assodato. Per cui leggere queste fantastiche chicche potrebbe non stupire nessuno, ma direi che vale la pena spenderci un attimo, quanto meno per farcisi qualche sana risata.

Sono le motivazioni addotte dai padri inglesi, separati, nel loro diniego a corrispondere il mantenimento ai propri figli. Per esempio, come ci rimarreste se il padre di vostro figlio sostenesse che.. “Non pago perché il figlio non può essere mio: la madre è troppo brutta!”? E cosa dire di quello che non corrisponde l’assegno perchè non ha più soldi in quanto spesi tutti per portare lo struzzo dal veterinario? Poi c’è il calciatore, che guadagna il corrispettivo di circa 18.000 € al mese, ma che …poveretto… deve portare la sua Ferrari dal meccanico, per cui quei soldi gli servono. Un altro sciagurato, invece, si è visto mangiare dal cane tutte le buste paga e le lettere di sollecito, e da qui la sua conseguente inadempienza. Più sconcertante è stato il caso del padre che, sottoposto ad intervento chirurgico, dal momento in cui si è trasformato in una donna nulla più gli è dovuto in quanto ha smesso di essere padre. Divertente, invece, la giustificazione di quel sant’uomo che aveva pagato l’intervento chirurgico per il rifacimento delle tette di sua moglie, di cui, però, ora ne starebbe “beneficiando” il nuovo fidanzato, pertanto si sente, giustamente, in debito.

A riferire le estrose giustificazioni è la “Child Support Agency”, un ente governativo incaricato di valutare e riscuotere da genitori separati i contributi per il mantenimento dei figli, la cui mancata corresponsione pare abbia raggiunto cifre allarmanti, stimata dal Ministero del Lavoro per un ammontare di circa 4 miliardi di sterline.  Il Ministro Maria Miller ha tenuto a sottolineare che verso questa categoria di pseudo-burloni verrà presto dato un giro di vite, prevedendo la riscossione forzosa delle somme, fino ad arrivare al pignoramento della casa nei casi di maggior recidività.

Peccato.. Perché così si rischierebbe di perdere la genuinità, il candore da manuale di certe scusanti che, quantomeno, meriterebbero di essere raccolte in un libro, sperando che, però, non diventino troppo invitanti per qui padri separati che, invece, puntualmente corrispondono quanto dovuto e continuano ad interessarsi ai propri figlioli con tutto l’amore che meritano.

Advertisements
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 2 settembre 2011 in Curiosità dal mondo

 

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: