RSS

RIFLESSIONI SU RACHEL E LA SUA STORIA

14 Ago

Prima ho scritto di lei, poi mi è montata la rabbia. Mi è montata una rabbia cieca perchè tocca quasi ringraziare chi guidava quell’autotreno che l’ha uccisa se oggi la sua storia è giunta fino a noi. Altrimenti.. di Rachel che viveva a Seattle e amava inventarsi nuovi modi per aiutare il prossimo, ma chi l’avrebbe saputo mai?

Il solo fatto che, attraverso la sua richiesta per il giorno del compleanno aveva raccolto “solo” 280 dollari e che, oggi, solo perchè è volata in Cielo, si sia raggiunto il milione, dovrebbe far riflettere. E tanto.

Il fatto è che alla gente non interessa conoscere le belle storie. La gente vuole sentire storie di sangue dietro le quali ci sia qualcosa di colore; e la storia di questa meravigliosa bambina, da un certo momento in poi, si è prestata bene ad un rimbalzo su tutti i giornali del mondo. Povera cucciola: tutta la grandiosità del suo animo ha fatto breccia solo sulle nostre contorte dinamiche di esseri sterili, e nulla di più. Star per un giorno o due, fino a che una nuova storia non ci sorprenderà, e Rachel se ne sarà andata via davvero per sempre, lasciandosi dietro il profumo dei suoi capelli sulla testa pelata di tre bimbi che soffrono davvero.. 

Advertisements
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 14 agosto 2011 in Come la penso su...

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: