RSS

GIU’ LE MANI DALLE BAMBINE!

09 Ago

La rivista “Figli felici” di questo mese tratta un argomento che dovrebbe indurre a riflettere tutti, e ancor di più le mamme di femminucce. Nell’articolo si parla della malizia che viene coltivata da noi adulti nelle bambine in un’età in cui, altrimenti, loro non saprebbero neppure cos’è. Quella malizia altro non è che
la proiezione insana del desiderio della mamma di voler apparire, essere sensuale ed accattivante, e non potendolo fare in prima persona, “impone” a sua figlia mise e atteggiamenti assolutamente inopportuni
per quell’età. Ed è per questo che, sempre più spesso, si vedono in giro bimbe di 6 o 7 anni con minigonne mozzafiato, top ultraridotti, stivali non proprio infantili e magari pure un pò di trucco. Prima riflessione: se a 7 anni si consente loro di andare in giro conciate così, come pensiamo, poi, a 12, di poterle educare a vestire in modo adeguato? Nelle scuole, si vedono spessissimo ragazzine con pantaloni a vita bassa, tanto da lambire quello che dovrebbe restare ancora per un pò un gioiello incontaminato, maglie lunghe non oltre le ascelle, che lasciano in bella vista piercing o tatoo, ma soprattutto gran parte della propria nudità. Ma quella altro non è che la più naturale evoluzione di ciò che noi avevamo scelto per loro quando erano appena delle bambine. E se allora non c’era nulla di male nel lasciare che si intravedessero gli slip, perché dovrebbero coprirselo proprio ora? E’ un problema che, a parer mio, non si risolverà fino a quando non si sarà fatta un pò di educazione alle mamme; e, ai casi più disperati, addirittura, una sana e ricostituente terapia. Sono loro a determinare, quasi sempre inconsciamente, questo stato di cose, e ne è
la riprova il fatto che quando qualche insegnante si è permesso di chiamare i genitori per sperare che redarguissero un tantinello la loro figliuola sul modo di vestire, si son sentiti quasi sistematicamente rispondere “Come si permette? Cosa ha, Lei, da dire al modo di vestire di mia figlia?”. Poi vieni a sapere che proprio lei l’aveva iscritta e accompagnata ad un concorso di bellezza, uno dei tanti che le fa fare fin da quando era troppo piccola perfino per mantenersi in piedi da sola..

Orrore. Al punto che, nelle scuole, sopratutto nell’età dell’adolescenza, personalmente imporrei il grembiule, perché la funzione educativa della scuola non può arrendersi davanti ad un paio di braghe calate e di mutande in bella mostra. Sì, è la moda, ma qui il buon senso si sta andando a far benedire e noi tutti gli stiamo dando l’estrema unzione! A cominciare da quando si è piccoli, perché è proprio da quell’età che si coltivano quelli che, poi, si trasformeranno nei grandi problemi, rispetto ai quali i genitori più incoscienti si limiteranno a fare spallucce e dire “E’ la società che oggi li vuole così”. Mavaffanxxxx!

 
2 commenti

Pubblicato da su 9 agosto 2011 in La cura dei cuccioli

 

2 risposte a “GIU’ LE MANI DALLE BAMBINE!

  1. Annita

    9 agosto 2011 at 07:12

    Hai perfettamente ragione! Lavorando nella scuola dell’infanzia da una ventina d’anni, ho potuto vedere come questo atteggiamento si stia diffondendo sempre di più: ci sono bambine di 5 – 6 anni che vengono a scuola con abbigliamento stile teenager, con lo smalto e il lucidalabbra rosa (soprattutto quelle che hanno qualche sorella di 5- 7 anni più grande e/o la mamma che cura moltissimo il proprio aspetto: trucco, capelli, abbigliamento, accessori…). Se si fa qualche commento, le mamme si giustificano dicendo che è stata la bambina ad insistere per vestirsi e truccarsi così, altrimenti non c’era verso di convincerla a venire a scuola, che lo fa per imitare la sorella o la mamma stessa… Sarà anche vero, però in questo caso si potrebbe cercare di fornire altri esempi e altri valori, al di là della bellezza, della moda. Probabilmente in questo tipo di famiglie la tv sarà sempre accesa su programmi di gossip, reality e simili, in casa gireranno abitualmente le riviste di fashion e i fine settimana saranno dedicati ai centri commerciali.

     
  2. a casa di palma

    9 agosto 2011 at 17:27

    Faccio una precisazione, e credo sarai daccordo con me: che una bimba “giochi” con la sua femminilità, ci sta tutto. Anzi, è proprio a quell’età che inizia a delinearsi l’identità sessuale ed è bene che la piccola sperimenti questa nuova scoperta. Allora, anche il trucco, la collana di perle della mamma, un paio di scarpe con i tacchi …indossati davanti allo specchio per civettare un pò, da sola o in compagnia delle amichette invitate a merenda, ma che male fa? E, soprattutto, chi di noi non l’ha fatto? Ma il ruolo del genitore dovrebbe essere quello di confinare lì, in quel momento di gioco, la civetteria che la bimba vuole sperimentare, e se poi fa i capricci per portarla anche fuori, oltre, tocca spiegarle, e, se è il caso, imporle, che c’è un’età per ogni cosa e che la sua, ora, prevede ancora altre cose..

     

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: